I gioielli, come tutte le cose, sono sottoposti all’azione del tempo e possono perdere la loro lucentezza originale diventando opachi, macchiandosi o graffiandosi ed alcune parti possono perfino usurarsi.

Si consiglia di fare pulire i gioielli in modo professionale almeno una volta l'anno, in tale occasione viene anche controllato lo stato di usura del gioiello, il tuo gioielliere di fiducia potrà eseguire la corretta manutenzione e messa a nuovo.

Anche il modo in cui vengono conservati i gioielli è importante. Al momento dell'acquisto tutti i gioielli Masi sono sistemati in astucci protettivi, custodie. Dopo aver indossato i gioielli, raccomandiamo di riporli nella custodia originale o in un altro contenitore adeguatamente foderato o in un sacchetto.

Certe precauzioni fondamentali si dovrebbero prendere per tutti i gioielli.

Occorre avere cura di proteggere i gioielli dagli urti contro le superfici dure ed evitare il contatto con le superfici abrasive.

Molte pietre come ametista, smeraldo, opale, perle, tanzanite e tormalina, sono particolarmente delicate e si abradono facilmente.

Le pietre preziose possono graffiare altre pietre preziose e possono consumarsi a contatto con i metalli preziosi. Bisogna quindi evitare di sovrapporre anelli e bracciali per evitare al massimo possibili abrasioni.

Anche le temperature estreme, i profumi, i cosmetici, la pulizia a ultrasuoni e i prodotti chimici per uso domestico possono danneggiare i gioielli.

In linea di principio Per pulire i diamanti, si usa una soluzione leggera composta da sei parti d'acqua e una di ammoniaca da applicare con uno spazzolino morbido.

Se indossate spesso, le perle dovrebbero essere pulite e reinfilate da un professionista una volta l'anno. Le perle si possono pulire delicatamente con un panno umido.

Per quanto riguarda le pietre a superficie liscia, al fine di rimuovere la patina, che si forma con l'uso, basta l’immersione in una bacinella contenente acqua e del sapone neutro (oppure solo alcool) e poi utilizzare una spazzola a setole morbide, passando infine con un panno di cotone morbido per asciugare.

Sconsigliamo la pulitura delle pietre porose (quarzo, turchese, ecc..) con acqua calda poiché questa potrebbe andare a variare permanentemente le caratteristiche del minerale.

ORO – Per la cura dei gioielli senza pietre preziose e sufficiente immergerli in una soluzione di acqua e sapone, successivamente bisogna sciacquarlo ed asciugarlo con un panno morbido.

 

 

Colore:

I diamanti sono disponibili in tutti i colori dello spettro, da trasparente a nero. Il colore è molto importante nella scelta di un diamante.Il diamante più incolore, è il più alto nella scala GIA. Secondo la scala GIA, ogni pietra è valutata, per quanto riguarda la quantità di colore emessa dal diamante, dando ad ogni pietra la sua brillantezza. Masi Gioielli vende diamanti quasi incolore per offrire più valore e bellezza ad ogni oggetto. Vi sono diverse classificazioni di colore per un diamante.

D: Del tutto incolore. Questo è il più alto nella scala ed è eccezionalmente raro.
E: Questo è un diamante incolore. Un diamante speciale e raro il cui colore può essere rilevato solo da un gemmologo professionista
F: Incolore. Le tonalità di colore possono essere rilevati solo da un gemmologo professionista.
G-H: Near colorless, G-H graded diamonds are considered to be high quality diamonds.
I-J: Quasi incolore, i diamanti graduati GH sono considerati diamanti di alta qualità
K-M: Giallo debole.
N-R: Giallo molto chiaro.
S-W: Giallo chiaro.
X-Z: Giallo

Un diamante con una leggera colorazione di giallo può sembrare praticamente incolore a causa della fluorescenza. La fluorescenza è la reazione di un diamante ai raggi UV. In generale, più fluorescenza ha un diamante , più bassa è la sua valutazione. La fluorescenza può far apparire un diamante, con alcune luci, più opaco.

 

Taglio

La Brillantezza, la finitura, e le proporzioni sono tutti percepiti in base al taglio di un diamante. Un diamante tagliato male mancherà di splendore, anche se ha il colore e la chiarezza perfette. Sono la profondità e larghezza che determinano la luminosità di un diamante.

I quattro fattori che determinano il valore del diamante sono le quattro "C", dalle iniziali dei quattro termini in inglese ossia: colour (colore), clarity (purezza), cut (taglio) e carat (caratura, cioè peso)

Per maggiori informazioni visita la pagina di Wikipedia

 

Contatti

Piazza Gramsci,15
Valenza - Italy
+39.131.941.845

Shopping Cart:

Carrello vuoto

Seguici anche su